News

Networking #ImpreseRicerca e #ImpreseCittà
l Cluster Nazionale SmartCommunitiesTech, a cui Veneto Innovazione partecipa come rappresentante della Regione del Veneto, organizza una serie di appuntamenti di Networking e confronto con Imprese, Organismi di Ricerca e Pubbliche Amministrazioni...continua

 

 

Open Innovation Challenge
Il Cluster Fabbrica Intelligente persegue l’Open Innovation accompagnando il programma LightHouse Plant® , impianti produttivi completamente basati su tecnologie 4.0,.....continua

 

 

3-4/12 Virtual WindEnergyMatch 
Evento che offre alle aziende e agli istituti di ricerca lungo l'intera catena del valore dell'industria eolica un'ulteriore piattaforma semplice per stabilire contatti preziosi e scoprire nuove opportunità di cooperazione internazionale...continua

 

 

10/12 DIGITH-ON 
Evento che si svolge all'ambito del progetto BE-READI ALPS di cui Veneto Innovazione è coordinatore e che si focalizza sullo sviluppo e sull'implementazione di nuovi processi e funzioni di produzione utilizzando tecnologie di digitalizzazione...continua

 

 

Hai un’idea innovativa? Il BE-READI Point di Veneto Innovazione ti aiuta a lanciarla!
Se sei una piccola e media imprese e vuoi sviluppare un nuovo prodotto o un nuovo servizio, Veneto Innovazione attraverso il suo BE-READI Point ti può aiutare.....continua

 

 

InnoPeer-AVM: Una serie di webinar per un'azienda più competitiva
InnoPeer AVM, offre una serie di webinar online e gratuiti per diventare più innovativi e competitivi. I webinar sono rivolti alle imprese e riguardano la gestione delle risorse umane, l'organizzazione, il modello di business e le tecnologie digitali....continua

 

 

BE-READI ALPS è il nuovo progetto di Veneto Innovazione
Veneto Innovazione è capofila del progetto Interreg Alpine Space BE-READI ALPS che intende sostenere le PMI dell'arco Alpino attraverso la finanza innovativa, internazionalizzazione e digitalizzazione...continua

                           

Veneto Basilicata: le nuove future collaborazioni


Un’importante collaborazione che ha inteso favorire lo scambio e l’innovazione industriale delle Aree di Sviluppo Industriale del Veneto e della Basilicata, e che ha consentito di individuare pratiche di gestione di interesse comune, da poter porre alla base di futuri interventi: èquesto quanto è stato illustrato a Venezia presso la Sala Convegni del Palazzo della Regione del Venetonell’ambito del convegno finale del progetto "Azioni Transregionali per il riposizionamento strategico delle aree industriali", finanziato con i fondi del POR CRO parte FESR 2007-2013.
“Una giornata che può dar luogo a future collaborazioni – ha dichiarato l’Assessore alle Politiche di Sviluppo della Regione Basilicata Raffaele Liberali, presente all’incontro-; è importante vedere regioni che riescono a dialogare in questo modo, avviando uno scambio di best practice. Il futuro – ha evidenziato - si costruisce sulle diversità di esperienze e di punti di partenza: occorre quindi acquisire le migliori pratiche ed adattarle alla propria realtà. Simili scambi sono quindi estremamente produttivi e da questo punto vista si possono costruire relazioni bilaterali, ma anche più generali, guardando alle migliori pratiche e costruire su queste”.
A margine dell’evento l’Assessore regionale ai Fondi FESR del Veneto Roberto Ciambetti, ha commentato: “La nuova economia e i nuovi scenari hanno bisogno di nuovi attori e nuove relazioni, questo progetto - creando un rapporto nuovo tra Veneto e Basilicata attorno a temi innovativi come la nuova economia, la ricerca applicata, il sostegno alle startup innovative - è un esempio molto interessante di come si possano affrontare i nuovi scenari, creare nuovi posti di lavoro, sfruttare le opportunità che il nuovo mondo presenta. In questo il rapporto tra due regioni, in apparenza lontane, implica un reciproco arricchimento di competenze, conoscenze e saperi diversi che si integrano tra di loro”.
Durante il convegno i partner tecnici del progetto – Alessandra Pelizzaro per Veneto Innovazione e Simona Loperte per il CNR IMAA di Potenza – hanno illustrato i risultati raggiunti attraverso unapprofondito confronto sulla gestione dei principali Consorzi di sviluppo industriale nelle due regioni, al fine di individuare le iniziative di maggiore successo da trasferire, attraverso progetti pilota, da una regione all’altra.
Nelle aree industriali del Veneto si sono sviluppate attività innovative nel campo delle energie rinnovabili e della formazione professionale, in Basilicata è invece maturata una esperienza di grande interesse nell’incubazione di imprenditorialità innovativa.
In particolare, il Consorzio di Potenza ha individuato nella Fondazione Fenice di Padova un centro di eccellenza sulle energie rinnovabili da trasferire nell’area industriale dell’Alta Val d’Agri (Grumento Nova - Viggiano), in provincia di Potenza. Nella stessa area, sede dell’incubatore d’impresa gestito da Sviluppo Basilicata, stanno nascendo alcune interessanti esperienze imprenditoriali collegate ai temi dell’energia e dell’ambiente. Oltre a sostenere lo sviluppo dell’occupazione giovanile, questa iniziativa ha l’obiettivo di creare un’alternativa allo sfruttamento delle fonti energetiche non rinnovabili, fornendo un supporto tecnico-scientifico nella sperimentazione di ''nuove idee” orientate alla sostenibilità ambientale.
Il prof. Giancarlo Corò dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, nella sua veste di referente scientifico di progetto, ha illustrato gli scenari emersi dal rapporto di ricerca progettuale e ha condotto una tavola rotonda tra i rappresentanti delle Aree industriali delle due regioni.
Per la rappresentanza lucana erano presenti anche il Dirigente generale del Dipartimento politiche di sviluppo regionale Giandomenico Marchese, l’Autorità di Gestione dei Programmi Operativi FESR Antonio Bernardo e l’amministratore unico di Sviluppo Basilicata Raffaele Ricciuti; per la parte veneta sono intervenuti, fra gli altri,l’Autorità di Gestione del Programma Operativo FESR Veneto Pietro Cecchinato, l’Amministratore Unico di Veneto Innovazione Gabriele Marini, il project manager del Parco Scientifico di Verona Roberto Biscaro e rappresentanti del tessuto imprenditoriale e dei soggetti partner del progetto.

Condividi contenuti  

Veneto Innovazione Spa - Via Ca' Marcello 67/D - 30172 Venezia Mestre

Cod. Fisc., P.Iva 02568090274 e n. iscrizione Registro Imprese di Venezia: 225448
CODICE DESTINATARIO: USAL8PV

Società soggetta all’attività di direzione e coordinamento ex art. 2497 sexies c.c. del socio unico Regione del Veneto
Tel.: (+39) 041 8685301 - Fax: (+39) 041 5322133 - E-Mail: info@venetoinnovazione.it

pec: amministrazione@pec.venetoinnovazione.it